Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Notizie

Dimensioni testo

Avviso rivolto ai Gestori per aderire al "Progetto per il contrasto alle povertà educative e la conciliazione vita-lavoro".

La Regione Emilia-Romagna con Deliberazione della Giunta n. 376 del 13 marzo 2023 ha approvato per l’anno 2023 le linee guida progettuali per la realizzazione di un intervento pubblico finanziato con le risorse FSE 2014-2020 e PR FSE+ 20212027 per l’erogazione di contributi economici destinati al sostegno delle famiglie per la frequenza dei Centri Estivi nel territorio regionale e aderenti al Progetto.

Deliberazione della Giunta n. 376/2023 

  Bando pubblico rivolto ai gestori di Centri Estivi

Con Determinazione dirigenziale dell’Istituzione Servizi Educativi e Culturali dell’Unione dei Comuni dell’Appennino Bolognese, in qualità di ente capofila per i Comuni del Distretto dell’Appennino Bolognese, n. 162 del 02/05/2023 è stato approvato l’avviso pubblico per l’individuazione dei soggetti Gestori di Centri Estivi che intendono aderire al “Progetto per il contrasto alle povertà educative e la conciliazione vita-lavoro” promosso dalla Regione Emilia-Romagna rivolto alle famiglie per la frequenza dei Centri Estivi - Anno 2023.

I Gestori che intendono aderire al progetto entro le ore 12:00 del 26/05/2023 dovranno trasmettere all’indirizzo PEC Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. la documentazione seguente, redatta esclusivamente sugli appositi moduli predisposti:

  • Modulo di domanda 
  • Progetto Esecutivo-Educativo 
  • Documento di identità del titolare/legale rappresentante

Ricordiamo, inoltre, che prima dell'inizio dell'attività del Centro Estivo è necessario trasmettere la SCIA per l'attività del centro estivo e per l'eventuale somministrazione dei pasti.

La SCIA dovrà essere trasmessa tramite la piattaforma regionale Accesso Unitario, alla quale occorre accedere tramite SPID del titolare/rappresentante legale o delegato.

È possibile trovare il modulo da compilare seguendo il percorso: Comune destinatario - SUAP - Modulistica Attività Produttive - Agricoltura Commercio Demanio Turismo e Altre Attività Produttive - Servizi educativi e ricreativi per infanzia e minori - Centri estivi. Per terminare l'invio della pratica occorre scaricare e firmare digitalmente il modulo.

Sottolineiamo che da quest'anno non è più consentito per alcun motivo l'invio del modulo tramite PEC (si veda comunicazione della Regione Emilia-Romagna del 9 marzo 2023 sul portale Accesso Unitario).

Occorre inviare adesione al Progetto conciliazione e SCIA per ciascun Centro estivo organizzato.

Dimensioni testo

IL SINDACO

 

Visto il T.U. 18.08.2000, N. 267;

Visto l'art. 25 del vigente Regolamento del Consiglio Comunale

AVVERTE

 

che il Consiglio Comunale è convocato in 1^ convocazione il giorno 27 aprile 2023 alle ore 20:30 Solita sala delle Adunanze, per la trattazione del seguente ordine del giorno: 

- APPROVAZIONE VERBALI SEDUTA PRECEDENTE;

- APPROVAZIONE DEL RENDICONTO DELLA GESTIONE PER L'ESERCIZIO 2022;

- RATIFICA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.21 DEL 30.03.2023 AVENTE AD OGGETTO "VARIAZIONE D'URGENZA AL BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2023-2025".

 

La cittadinanza è invitata.

 

Il Sindaco

 

Sergio Polmonari

Dimensioni testo

Con delibera di Giunta n. 409 del 20/03/2023 (che si allega) la Regione ha rinnovato anche per il 2023 il “Programma Regionale per la concessione dei contributi destinati alla Rinegoziazioni dei canoni di locazione”.

Per saperne di più sul Programma Rinegoziazioni e le novità introdotte, sono a disposizione:

Si ricorda che per ulteriori informazioni è attiva una casella di posta elettronica regionale dedicata:   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Allegati:
Scarica questo file (Documento_finale_GPG2023435.pdf)Documento_finale_GPG2023435.pdf[ ]280 kB
Dimensioni testo

Avviso esplorativo per l’acquisto di beni e servizi per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza – Missione 1 – Componente 1

Misura : 1.4.1 “ESPERIENZA DEL CITTADINO NEI SERVIZI PUBBLICI”

La documentazione dovrà essere sottoscritta digitalmente e pervenire alla PEC del Comune entro le ore 12.00 del 31/03/2023.

 

Allegati:
Scarica questo file (avviso 1.4.1 siti - LIZ.pdf)avviso 1.4.1 siti - LIZ[ ]213 kB
Dimensioni testo

IL SINDACO

 

Visto il T.U. 18.08.2000, N. 267;

Visto l'art. 25 del vigente Regolamento del Consiglio Comunale

AVVERTE

 

che il Consiglio Comunale è convocato in 1^ convocazione il giorno venerdì 24 marzo 2023 alle ore 20:30 Solita sala delle Adunanze, per la trattazione del seguente ordine del giorno: 

 

- APPROVAZIONE VERBALI SEDUTA PRECEDENTE;

- DOCUMENTO UNICO DI PROGRAMMAZIONE (DUP) SEMPLIFICATO - PERIODO 2023-2025: APPROVAZIONE;

- LAVORI PUBBLICI: PROGRAMMA TRIENNALE 2023-2025 ED ELENCO ANNUALE LAVORI ANNO 2023. APPROVAZIONE;

- PROGRAMMA BIENNALE DEGLI ACQUISTI DI BENI E SERVIZI 2023-2024: APPROVAZIONE;

- REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI: MODIFICHE;

- APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI IMU PER L'ANNO 2023 (L. 27 dicembre 2019, n. 160);

- APPROVAZIONE DEL BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2023-2025.

 

Il Sindaco

Sergio Polmonari

Dimensioni testo

Il GAL dell’Appennino Bolognese ha pubblicato un nuovo bando per contributi a fondo perduto finalizzati alla qualificazione delle piccole imprese artigiane, commerciali, turistiche e di servizio della montagna e della collina. Le imprese interessate potranno presentare la domanda di contributo al GAL allegando il relativo progetto entro le ore 12,00 del 31 marzo 2023. La spesa ammissibile per ogni singolo progetto, ovvero la spesa su cui calcolare il contributo a fondo perduto, dovrà essere compresa tra un minimo di 10.000 euro ed un massimo di 50.000 euro. Il contributo a fondo perduto sarà pari al 60% della spesa ammissibile per i titolari di imprese localizzate nei territori classificati come “zona svantaggiata”, ovvero tutti i Comuni appenninici con le sole eccezioni delle aree collinari di Zola Predosa, Dozza Imolese, Valsamoggia, San Lazzaro di Savena, Ozzano e Castel San Pietro Terme, dove il contributo previsto sarà pari al 40% della spesa ammissibile. 

 

“Questo ulteriore bando GAL a sostegno delle piccole imprese di montagna, il quarto consecutivo degli ultimi quattro anni - sottolinea il Presidente Tiberio Rabboni - scommette, ancora una volta, sulle potenzialità di crescita economica e turistica dell’Appennino e sulla propensione degli operatori locali a riqualificare, innovare o diversificare le attività. Le oltre 100 piccole imprese di montagna finanziate dai precedenti bandi GAL ci incoraggiano a proseguire su questa strada”.

Le spese ammesse a finanziamento sono relative alla costruzione o ristrutturazione di immobili destinati all’attività aziendale, arredi, macchinari, impianti, attrezzature per la lavorazione e trasformazione, investimenti funzionali alla vendita, allestimenti e dotazioni specifiche, veicoli strettamente legati all’attività imprenditoriale, onorari di professionisti. È possibile inoltre effettuare investimenti per l’acquisto di software e hardware, brevetti o azioni di comunicazione e promozione. 

Ai fini della formazione della graduatoria finale dei progetti presentati - graduatoria che stabilirà l’elenco dei beneficiari fino all’esaurimento del budget disponibile - sono riconosciuti punteggi aggiuntivi alle piccole imprese operanti nelle aree più svantaggiate, a quelle che aderiscono alla carta dell’accoglienza lungo gli itinerari trekking, a quelle partecipate da giovani o, ancora, che operano in ambito di ricettività, ristorazione, commercio al dettaglio, turismo, attività creative, artistiche, entertainment, cultura e sport. Una ulteriore premialità è riconosciuta alle imprese che mantengono il presidio territoriale in località dove il servizio non è altrimenti presente o che investono in adeguamenti strutturali - non di legge - a favore dell’accessibilità delle persone diversamente abili. 

 

Sasso Marconi, 6 febbraio 2023

Per maggiori informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - tel. 051.4599907 

Login Form

Iscrizione Newsletter

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

© 2013 Comune di Lizzano in Belvedere - P.iva 00529241200 - C.F. 01025300375